Chi l’ha detto che per avere una serra ci sia bisogno di grandi spazi e sia necessario spendere molto? In realtà, è possibile dare vita ad una serra fai da te con meno di 50 euro, avendo a disposizione un luogo in cui far crescere e proteggere i propri ortaggi e le proprie piante. Vale la pena di imparare a costruirla, per trasformare un hobby gratificante e rilassante come il giardinaggio in un’occasione interessante per far crescere melanzane, pomodori, peperoni eccetera nel modo più semplice ed efficace possibile. La serra, infatti, è importante perché consente di tenere le piante al riparo anche nel momento in cui le condizioni climatiche e atmosferiche sono avverse: le piogge più insistenti, la grandine e la neve, in effetti, possono provocare danni anche consistenti.

Ecco perché una serra fai da te è quello che ci vuole. Non bisogna dimenticare che le temperature più basse e le gelate sono rischiose. Prima di procedere, naturalmente, è essenziale calcolare le dimensioni della serra che si intende costruire, tenendo conto della posizione in cui dovrà essere installata: ci si può aiutare, a questo scopo, con dei paletti o con dei picchetti da utilizzare a mo’ di contrassegno, eventualmente unendoli con uno spago.

come-realizzare-una-serra-fai-da-te

Per quel che riguarda l’occorrente per una serra fai da te, tutti i materiali necessari possono essere reperiti con la massima facilità: per coprire la serra, per esempio, non serve nient’altro che un telo. L’ideale è optare per un telo realizzato con un materiale plastico che sia resistente e trasparente al tempo stesso, tale da permettere il passaggio della luce del sole, con uno spessore non inferiore ai 2 millimetri. Ovviamente, ledimensioni del telo non devono essere le stesse della serra, ma molto più grandi.

In più, c’è bisogno di tubi di plastica che fungano da sostegno: devono essere flessibili e resistenti per fare in modo che la copertura semicircolare duri a lungo nel tempo. La copertura semicircolare è tipica delle serre a tunnel, ma nulla vieta di dare vita anche a modelli di serra differenti. Il consiglio è quello di fare affidamento sui tubi da idraulica, che hanno tutte le doti richieste per questo scopo: sono resistenti, flessibili e leggeri. Il loro diametro deve essere di almeno un centimetro e comunque tale da permettere di piegarli senza difficoltà; la lunghezza, d’altro canto, cambia in base all’altezza della serra, ma non dovrebbe essere inferiore al metro e mezzo.

serra-fai-da-te-2

A questo punto, una volta procuratisi tutti i materiali di cui si ha bisogno, ci si può mettere al lavoro: si comincia unendo i tubi a due a due sfruttando dei tubi di raccordo o, in alternativa, dei manicotti in gomma lunghi non meno di una ventina di centimetri. Le estremità del primo tubo raccordato vanno piantate a una profondità di circa 30 centimetri nel terreno, calcolando le distanze in funzione del grado di arcatura e della larghezza della serra. Il secondo tubo deve essere posto in parallelo rispetto al primo, ad una distanza di circa un metro; si prosegue, così, con tutti gli altri tubi.

Un picchetto ricurvo può essere utile per rafforzare la serra: occorre metterlo a mezzo metro di distanza dal primo archetto. A proposito degli archetti, prima di interrarli completamente vanno avvolti con un po’ di fil di ferro. I punti di appoggio possono essere resi più stabili – se si pensa che ciò sia necessario – con del nastro adesivo; dopodiché si può prendere il telo e coprire la serra, fermandolo al suolo con delle assi di legno, con dei sassi, con dei mattoni o con degli altri pesi che possano essere rimossi se necessario.

how-to-build-a-greenhouse-7

RICHIEDI CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO

 

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *